Andiamo a casa, Martin (Incipit)

Jakob Iobiz

(Incipit del racconto “Andiamo a casa, Martin” che fa parte della raccolta “Di Maremma e dintorni”)

Martin guardava fuori dal finestrino e intanto si sorreggeva con una mano alla maniglia sopra lo sportello tentando così di rimanere il più possibile indenne dalle scosse che facevano oscillare da una parte e dall’altra l’auto, mentre affrontava gli stretti tornanti che salivano verso la sommità della collina.

Non avrebbe saputo dire da quanto tempo non tornava a casa, non riusciva più a ricordarlo. Rammentava ancora bene però il suo paese, la collina dove esso sorgeva, i suoi genitori, la sua famiglia e il nonno Martino da cui aveva preso il nome, anche se tutti in realtà lo chiamavano Martin per distinguerlo dal vecchio. Quando il treno era arrivato ai piedi della collina dove abitavano i suoi genitori, Martin era sceso alla piccola stazione e aveva proseguito in autobus. Mentre questo saliva lungo i…

View original post 71 altre parole

Il cuore non ha pace

Jakob Iobiz

Poesia dedicata all’ennesima, inutile, tragica e disumana carneficina in Palestina.

Il cuore non ha pace,

la terra neppure,

io nemmeno.

La guerra non ha pace

e non ha più voce

il milite ignoto

né l’ignoto civile

e ignudo è rimasto

anche il bambino,

figlio di nessuno.

Quale incenso arriva

tra questi morti ammazzati

e chi di loro ha adesso

un posto nella moschea,

in sinagoga o in cattedrale?

E dov’è il mio posto,

in quale fila di fuoco posso leggere il Vangelo?

E dove, questa sera di fuoco,

lo avrebbe annunciato Lui?

Diego Osvaldo Ardiles

View original post

In che modo Jakob Iobiz ha eliminato il suo autore (Incipit)

Jakob Iobiz

Mi chiamo Monica Boreca e sono la compagna dell’autore che ha creato, insieme a molti altri, anche il personaggio di nome Jakob Iobiz. Non chiedetemi se sono reale oppure no; per convenzione, qui tutto è finzione e solo le parole scritte sono realtà.

Mi trovo qui per raccontare quello che è accaduto una notte di qualche tempo fa. Me lo ha chiesto Jakob, e non solo lui.

L’autore, che chiamerò semplicemente Autore, era seduto di fronte al suo computer; la bottiglia di whisky era quasi finita e doveva per forza uscire a comprane un’altra, almeno di non rimanere il resto della notte senza bere rinunciando così all’unico aiuto di cui disponeva per sciogliere il fastidioso dilemma che lo stava assillando.

(Incipit del racconto dal titolo “In che modo Jakob Iobiz ha eliminato il suo autore” compreso nella raccolta “Di Maremma e dintorni”)

https://www.amazon.it/s?k=jakob+iobiz&i=stripbooks&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref=nb_sb_noss

View original post

L’innamorata (incipit)

Jakob Iobiz

Questo è l’incipit del racconto “L’innamorata” che fa parte della raccolta “Di Maremma e dintorni”.

Arrivata all’ufficio postale, Giulia, aveva chiuso la lettera dentro la busta e la busta nella cassetta. Quindi aveva chiuso la giacca, le mani nelle tasche della giacca, e infine se stessa dentro l’autobus per fare ritorno a casa. In quel preciso momento era proprio tutto chiuso, anche il bar per turno di riposo e il cielo, almeno fino a quando il vento non si alzò, forse perché si annoiava o forse perché da seduto non arrivava bene a far sventolare la bandiera issata in alto sul pennone dell’ufficio postale.

View original post

Buona lettura!

Jakob Iobiz

Il mio libro “Di Maremma e dintorni” contiene questi racconti:

RACCONTO DI MAREMMA

BOMBER

L’INNAMORATA

PICCOLA STORIA DI UN VECCHIO SEDUTO SU UNA PANCHINA

LE RÉFUGIÉ

IL NONNO CON GLI OCCHIALI DA SOLE

BEATI GLI ULTIMI

AI PASCOLI ALTI

GIORNO DI RIPOSO

ANDIAMO A CASA, MARTIN

IRRUZIONE AL CASTELLO

IL FARO DI COLLINA ISOLA

IN CHE MODO JAKOB IOBIZ HA ELIMINATO IL SUO AUTORE Buona lettura!

View original post

I venditori di ombrelli (fine)

Jakob Iobiz

Photo by Matheus Natan on Pexels.com

Mario passava da un mondo luminoso, caldo, animato e piacevole ad un altro dove invece non c’era nessuno, se non lui; un luogo freddo e inospitale, ricoperto solo di ghiaccio, di un ghiaccio che non si scioglieva mai, un ghiaccio che rendeva impossibile e addirittura impensabile il nascere di qualcosa di diverso. Là non c’era mai il sole ma solo una fredda luce simile a quella della luna e, talvolta, neppure quella. In quei frangenti, Mario trascorreva il suo tempo a osservare in silenzio il paesaggio che oramai conosceva in ogni suo minimo dettaglio: era un paesaggio sempre uguale a se stesso e anche lui era sempre uguale a se stesso. In quel mondo era sempre solo, perché là dentro tutti quanti erano soli. Di persone ce n’erano tante ma ciascuna rimaneva oscura alle altre, come se si trattasse di esseri trasparenti e intangibili.

View original post 391 altre parole

Di Maremma e dintorni – nuovo libro

Jakob Iobiz

DI MAREMMA E DINTORNI è il titolo del mio nuovo libro in pubblicazione su Amazon.

Raccoglie storie di fantasia ambientate in un angolo di Toscana che ha come baricentro la Maremma; non si tratta però della Maremma geografica ma, come intende spiegare il titolo, anche dei suoi dintorni sia fisici che temporali. Le storie si snodano tra i boschi e la campagna rurale, le isole dell’arcipelago, le periferie urbanizzate, i vecchi borghi, le città d’arte e i porti sul Mar Tirreno. Insieme ai protagonisti dei racconti ci sono quasi sempre anche gli elementi naturali; il mare, il vento e il bosco accompagnano e guidano decisioni talvolta irrazionali dalle quali scaturiscono finali inaspettati. I dintorni temporali riguardano invece un futuro forse imminente e uno che speriamo resti solo immaginato.

Il libro comprende anche il racconto di come J. Iobiz sia riuscito a liberarsi del proprio autore, mentre per una sua biografia…

View original post 40 altre parole

I venditori di ombrelli (3)

Jakob Iobiz

Photo by Matheus Natan on Pexels.com

Ma forse la verità è un’altra; Mario aveva un baco nella testa. Sì, proprio un baco dentro la sua testa e neppure lui lo sapeva, perché alcuni difetti oggi te li scoprono addirittura quando sei ancora nella pancia della tua mamma, mentre altri li trovano subito dopo, o dopo qualche mese o qualche anno; ma se invece hai un baco nel cervello, un baco come dico io, quello può rimanere nascosto a tutti, perfino a te stesso, sino a quando un bel giorno – si fa per dire – Plaf!, se ne esce fuori e combina il suo casino. Eppure era sempre stato lì, lasciandoti vivere tranquillo senza che nessuno si accorgesse di lui. Questo, per me, è quello che è accaduto a Mario.

Verso la fine del mese di maggio, iniziò di tanto in tanto a farmi domande e discorsi sempre più strani…

View original post 387 altre parole

I venditori di ombrelli(2)

Jakob Iobiz

Photo by Matheus Natan on Pexels.com

Mario era sempre in giro per lavoro o per divertimento; spesso non riuscivo neppure a capire bene dove per finisse l’uno e iniziasse l’altro. Poi, però, a marzo di quel suo ultimo anno, incominciò a vedere le cose in modo diverso. Iniziò a dire che quando la sera rientrava a casa gli venivano in mente dei pensieri strani e malinconici.

Inizialmente questi attacchi di malinconia erano momentanei e duravano poco; una volta che se ne erano andati via tutto ritornava come prima. Raccontava anche di avere trovato un buon antidoto a quel malessere: quando si sentiva assalito da quel particolare malumore smetteva di fare ciò che stava facendo e concentrava il suo pensiero sull’immagine di una montagna; sì, proprio una grande montagna, con una parete verde ricoperta di prati senza alberi, con su una scritta fatta da tanti sassi bianchi, che diceva: «Non m’importa…

View original post 421 altre parole

I venditori di ombrelli (1)

Jakob Iobiz

Photo by Matheus Natan on Pexels.com

Non so se Mario sapeva di essere mio padre, ma io ne ero certa perché me lo aveva detto mia nonna prima di morire. E poi mi somigliava, stessi capelli biondi, stessi riccioli, le mani grandi e il viso spigoloso come il mio. Lo sapeva ma per qualche motivo voleva tenere questa cosa nascosta. Una delle ultime volte che lo vidi fu agli inizi del mese di ottobre, quando avevo compiuto da poco tredici anni. Certo, chi lo avesse incontrato prima di quella sua ultima estate lo avrebbe sicuramente trovato una persona diversa. Lui era un tipo allegro e cordiale, lavorava come un matto guadagnando un bel po’ di soldi e altrettanti li spendeva; sembrava in pace con il mondo. Ricordo che una delle ultime volte che lo incontrai mi raccontò che era stato al mercato di roba vecchia che facevano in una piccola…

View original post 555 altre parole