Categorie
Libri

Interno bara

J. Iobiz

Photo by Pavel Danilyuk on Pexels.com

#40

E pensare che io volevo molto bene a Caterina e non le facevo mancare nulla e una volta le avevo addirittura salvato la vita. Le cose andarono più o meno in questo modo. Quando ero sposato con Caterina, di notte lei sognava e io russavo. A volte ero io a sognare e lei a russare, ma questo accadeva molto raramente. Una notte Caterina sognò di essere al proprio funerale: era morta e stava distesa dentro una bara di legno chiaro completamente imbottita di un bel tessuto di raso e c’erano intorno a lei tantissime persone vestite di nero e moltissimi fiori che avevano colori meravigliosi e profumi bellissimi. Tutte le donne e gli uomini che si erano radunati intorno alla sua bara parlavano solo di lei e piangevano. Era proprio un bel funerale e lei, a un certo punto, si era quasi convinta…

View original post 76 altre parole

Di J. Iobiz

Scrittore.
In realtà, sono solo un personaggio di fantasia, ma di quale fantasia non ricordo più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...