Confesso che è un periodo che non riesco a scrivere nulla. Non ho idee, e quelle poche che ho non mi piacciono. Allora ho pensato che potrei:

  • scrivere una storia minimalista su di me che parlo con un cinghiale – ce n’è uno che viene veramente tutte le sere a mangiare sotto una quercia in fondo alla strada di casa mia – dicendogli delle bischerate, cose senza senso, oppure pensieri di alta filosofia. Potrei iniziare con scrivere le bischerate perché ci sono più portato. Se ne scrivo una al giorno tra tre o quattro mesi il racconto sarebbe finito;
  • ricopiare sul pc, parola per parola, un romanzo scritto con uno stile che mi piace da morire: ce ne sono molti, ma potrei iniziare con Un ragazzo di Nick Hornby, o La banda del formaggio di Polo Nori, oppure Nudi e Crudi di Alan Bennett, o la Metafisica dei tubi di Amélie Nothomb;
  • ascoltare Alessandro Bergonzoni su YouTube che non fa mai male;

Ci rifletto e vi faccio sapere

13 pensieri su “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...