Il sorriso impreciso

Riposare la testa

stanca su un cuscino

tendere l’orecchio

a un fulmine lontano,

ascoltarlo nel buio muto.

Occhi chiusi

per non vedere il silenzio

sentire la terra

ritornare primitiva,

ansimare il tempo vissuto.

Il sorriso impreciso

illumina i dintorni

della luna serena

cantando i nostri giorni d’amore

che il mare ha perduto

dimenticando e ricordando.

Le braccia nude

distese su un caldo parapetto,

chiavi chiuse in una valigia

insieme al caffè,

zollette di zucchero e tè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...