Un falò spento

Dannate folle, infinite e intorpidite, affocate nel sudore, dove manca anche l’aria. Comparivano a devastarci improvvise, torride mani, feci di manicomio e spiragli di paradiso traslati insieme nel cielo, idee e follia in briciole odorose. Invano, nel manicomio barriere di fiori e di alloro arrestano i sogni che sempre fuggono alle spalle, come chimere di un incontro di festa.

Nudi pensieri sorridono dietro e dentro le sbarre nude, poesie e pietre piagate dal mistero, scritte nel vuoto da agenti di follia. Non amano l’elettrochoc i pazzi. Nessuno, ama l’avello detestato.

Un falò di luna ospitava una volta, prostitute per strada, ma ora è un falò spento.

 (Ispirata alle poesie di  Alda Merini )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...