Visite guidate e turisti curiosi

Da tre anni, ormai, faccio la guida turistica in questa città. Racconto ogni giorno, più o meno con le stesse parole, la sua storia a individui che incontro per la prima volta e che non rivedrò mai più. Durante questo periodo, tuttavia, ho dovuto più volte modificare diversi termini e adattare certe descrizioni perché questa … Leggi tutto Visite guidate e turisti curiosi

Scrivere belle storie

Forse questo non lo dovrei dire, perché magari poi non mi comprate il libro – anche se ora c’è l’ebook gratis e potreste risparmiare anche quell’euro, che senz’altro potreste impiegare in qualche modo migliore – ma la verità e ch non penso di saper scrivere delle belle storie. Il fatto è che mi ritrovo spesso … Leggi tutto Scrivere belle storie

NIENTE È MAI COME PRIMA

È in pubblicazione il mio nuovo romanzo; tra poco lo si potrà acquistare su Amazon! Questa è la quarta di copertina: A causa della crisi economica Vincenzo perde il lavoro senza riuscire a trovarne altri; diventa un senzatetto, finisce in carcere – una prima volta per piccoli reati e la seconda perché è accusato del … Leggi tutto NIENTE È MAI COME PRIMA

Un’anticipazione del mio nuovo romanzo

Vincenzo perde il lavoro, diventa un senzatetto, finisce in carcere e quando esce viene fermato dalla Polizia per essere espulso dal Paese. Nella sventura sarà il gesto di un bambino, Edoardo, che gli regala del cibo, a cambiare la sua vita e quella di Anna, la madre di Edoardo. La vicenda si svolge in un … Leggi tutto Un’anticipazione del mio nuovo romanzo

L’innamorata (incipit)

Questo è l'incipit del racconto "L'innamorata" che fa parte della raccolta "Di Maremma e dintorni". Arrivata all’ufficio postale, Giulia, aveva chiuso la lettera dentro la busta e la busta nella cassetta. Quindi aveva chiuso la giacca, le mani nelle tasche della giacca, e infine se stessa dentro l’autobus per fare ritorno a casa. In quel … Leggi tutto L’innamorata (incipit)

Beati gli ultimi (4)

Photo by Paul Basel on Pexels.com Il treno avanza lentamente, dal finestrino il paesaggio sembra sempre lo stesso; campi ricoperti dalla nebbia sotto un sole indeciso che non riusce a dissolverla. All’interno dello scompartimento c’è chi sonnecchia, chi legge, chi guarda fuori. Poi il treno si arresta in aperta campagna e dopo alcuni minuti riprende … Leggi tutto Beati gli ultimi (4)