Non fare oggi quello che potresti fare domani

Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

#38

Oggi ho conosciuto Adele. Anche lei è ospite qui. È molto gentile e mi sembra proprio una bella persona. Viene da un piccolo paese del Centro Italia, in mezzo all’Appennino. Da giovane deve essere stata molto bella e conserva ancora un viso dolce dai tratti regolari e la sua pelle chiara non rivela gli anni – e non come Pilade che ha le mani e la testa ricoperte da numerose piccole macchie marroni. Adele ha però un animo malinconico, e questo lei lo sa. Glielo hanno detto fin da piccola: prima a scuola i suoi amici e poi anche i ragazzi che ha conosciuto, alcuni dei quali avrebbero anche voluto sposarla. Se avesse avuto dei figli, certamente avrebbero detto di lei la medesima cosa.

Nel pomeriggio vado insieme a Pilade, Adele e altre persone al mercato e incontriamo Anna, una dottoressa molto gentile. Anna ci racconta che qualche giorno prima ha avuto un guasto all’auto mentre era in autostrada e andava al mare. L’auto la stava guidando sua nipote Sofia; ritiene di essere stata molto fortunata perché sua nipote Sofia era riuscita ad arrivare fino all’area di sosta da dove avevano chiamato il servizio di assistenza. Il meccanico era stato puntuale ed era arrivato dopo venti minuti: il tecnico aveva detto che si trattava solo di un piccolo guasto. Infatti, poco dopo, l’auto era ripartita e Anna e sua nipote Sofia avevano potuto raggiungere Cesenatico per un breve periodo di vacanza ( È inutile che proviate a rileggere questo racconto; è proprio come lo avete letto. Non è detto che a tutte le persone che vanno in vacanza a Cesenatico debba per forza accadere qualcosa di straordinario).

Adele mi trova un tipo interessante; le ricordo una persona che le è stata molto cara, e le piace passare il tempo a parlare con me. Caterina, la mia ex moglie, invece, mi diceva sempre che ero pigro. Lei voleva sempre che io facessi qualcosa e trovava sempre qualcosa da farmi fare e diceva che quello era il suo modo di volermi bene; io non facevo quasi mai nulla di quello che lei mi chiedeva, ma le volevo bene ugualmente.

Della mia ex moglie avevo imparato a sopportare tutto: lei di me sopportava quasi niente e in particolare non voleva che le dicessi una cosa che avevo imparato studiando un filosofo australiano: “Non fare oggi quello che puoi fare domani, specialmente se a fare quella medesima cosa possono essere anche altre persone. Anche perché c’è sempre qualcuno più bravo e intelligente di te che potrebbe fare quella stessa cosa meglio di te”. Non ricordo se la frase fosse esattamente così, ma comunque era una cosa del genere; e forse non era proprio australiano il tizio che aveva pronunciato quelle parole. E forse non era neppure un filosofo.

J. Iobiz

Un pensiero su “Non fare oggi quello che potresti fare domani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...