Categorie
Libri

Piccola storia di un vecchio seduto su una panchina (2)

Photo by Pixabay on Pexels.com

Ma il vento non parla; forse saprebbe farlo ed è solo che non gli va di parlare. Magari perché è un vento notturno e taciturno, introverso che soffia in direzione contraria. O chissà, forse è stanco perché è stato indaffarato nei giorni precedenti a trascinare grossi cumuli di nembi e a pulire le rotte lasciate dagli aerei e ogni angolo di cielo dopo le folate delle correnti; per questo avrà preferito rimanere lassù in alto, dove l’aria è più fine e il cammino più sgombro.

Sarà per caso un vento vanitoso, di quelli che si danno aria di sapere e invece non scoprono niente, anzi ricoprono tutto di nubi e di sabbia e mulinelli di foglie morte e carta straccia, bianca e sporca?

Adesso, seguendo il vento dei suoi ricordi, il vecchio si ritrova tra le dolci colline e i laghi della campagna dove è nato; tra le canne ora legate a un filo di vento, le viti legate in file ordinate e i pali di legno anch’essi legati da lunghi fili pieni di tanti discorsi scambiati sul margine della strada, ma anche sulle marginalità della vita.

L’uomo immagina intorno a sé nuovi profumi che speziano l’aria, che ora è dolce come il paesaggio. E rivede le infinite colline dove, avvolte dal sole, luminose mimose e ginestre aperte all’aria della tarda primavera e ad ogni nuova speranza, brezza e carezza, hanno lasciato il posto agli estivi campi pieni di spighe.

Vede distintamente la strada snodarsi e riannodarsi a un filo sospeso di ricordi, di rossi casolari e secolari verdi cipressi. Paesaggi sterminati, ritagliati da precisi confini e determinati dalla mano dell’uomo in aie, corti, vigneti e piccoli borghi, tutti animati da contadini, contadine e antiche tradizioni di mille racconti…

(continua)

Di J. Iobiz

Scrittore.
In realtà, sono solo un personaggio di fantasia, ma di quale fantasia non ricordo più.

Una risposta su “Piccola storia di un vecchio seduto su una panchina (2)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...